Una grande opportunità: il nuovo credito d’imposta investimenti

di Giorgio Di Dio – Isola di Procida

Destinatari sono solo le imprese.

Soggetti esclusi dall’agevolazione dall’agevolazione sono:

* i soggetti diversi dalle imprese, quali i professionisti e gli enti non commerciali
* i soggetti che operano nei settori dell’industria siderurgica e delle fibre sintetiche,
* le imprese operanti nel settore della pesca, dell’industria carbonifera, nel settore creditizio, finanziario ed assicurativo.

L’agevolazione compete per gli investimenti destinati alle strutture produttive ubicate nelle seguenti regioni:
Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata, Sardegna, Abruzzo e Molise

Per strutture produttive si intende

ogni singola unità locale ubicata nei territori di cui al comma 1 dell’art. 8, in cui si esercita l’attività d’impresa. Può trattarsi di un autonomo ramo di azienda, inteso come un insieme coordinato di beni materiali, immateriali e risorse umane precisamente identificabili ed esclusivamente ad esso attribuibili, dotato di autonomia decisionale come centro di costo e di profitto, idoneo allo svolgimento di un’attività consistente nella produzione di un output specifico indirizzato al mercato; ovvero può trattarsi di una autonoma diramazione territoriale dell’azienda, purché costituisca di per sé un centro autonomo di imputazione di costi e non rappresenti parte integrante del processo produttivo dell’unità locale, situata nello stesso territorio comunale.

Il contributo nella forma di credito d’imposta è riconosciuto nella misura massima consentita in funzione delle intensità di aiuto previste dalla Carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo 2007-2013 e non è cumulabile con il sostegno del minimis né con altri aiuti di Stato che abbiano ad oggetto i medesimi investimenti.

In Campania e, quindi, a Procida il contributo è erogato con le seguenti percentuali:

Piccole Imprese 50% Medie Imprese 50% Grandi imprese 35%

Il credito d’imposta compete a fronte dell’acquisto di beni strumentali nuovi.

Non tutti i beni sono agevolabili.

Sono agevolabili, anche se acquistati in locazione finanziaria, i seguenti beni:

a) macchinari, impianti diversi da quelli infissi al suolo, ed attrezzature varie, classificabili nell’attivo dello Stato patrimoniale alle voci B.II.2 e B.II.3 dello schema previsto dall’art. 2424 c.c.;

b) programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa, limitatamente alle piccole e medie imprese;

c) brevetti concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l’attività svolta nell’unità produttiva.

L’espresso riferimento alle voci dello schema dello Stato patrimoniale, consente il riferimento ai Principi contabili al fine di precisare le categorie di beni agevolabili, relativamente ai beni indicati alla lettera a).

Invero l’Agenzia delle Entrate dovrà precisare quali tra i beni di cui alla voce B.II.2 devono considerarsi esclusi dall’agevolazione e quali no.

Dalla passata esperienza possiamo desumere che saranno esclusi dal nuovo credito d’imposta i mobili e gli arredi, le macchine elettroniche, i fabbricati ed ogni tipo di automezzo ed autovettura.

I beni devono possedere il requisito della novità, ovverosia, il bene non deve essere stato utilizzato precedentemente ad alcun titolo.

Detto requisito sussiste anche qualora l’acquisto del bene avvenga da soggetto diverso dal produttore o rivenditore “a condizione che il bene stesso non sia mai stato utilizzato (o dato ad altri in uso) né da parte del cedente, né da alcun altro soggetto”.

Nel caso di beni prodotti in proprio, il requisito della novità sussiste anche nel caso in cui alla formazione del bene abbia concorso un bene usato, a condizione che il costo di quest’ultimo non sia di rilevante entità rispetto al costo complessivo.

Se il bene è acquistato da terzi la novità deve essere attestata dal cedente.

Il credito d’imposta è determinato con riguardo ai nuovi investimenti eseguiti in ciascun periodo d’imposta, e deve essere utilizzato immediatamente in compensazione in sede di dichiarazione dei redditi.

Il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito né della base imponibile ai fini IRAP. L’eventuale eccedenza sarà utilizzabile in compensazione, a decorrere dal sesto mese successivo al termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta con riferimento al quale il credito è concesso. Il nuovo credito di imposta, come tutti gli aiuti di stato, deve essere approvato dalla UE e il credito potrà essere usufruito solo per i beni acquistati dopo detta approvazione.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

8 thoughts on “Una grande opportunità: il nuovo credito d’imposta investimenti

  1. VORREI SAPERE SE ALLA DATA ODIERNA E’ POSSIBILE CHIEDERE IL CREDITO D’IMPOSTA O BISOGNA ATTENDERE ANCORA IL PARERE DELLA COMUNITA’ EUROPEA.
    E POI PER L’ACQUISTO DI UN AUTOCARRO CON BRACCIO MECCHANICO INCORPORATO E’ POSSIBILE CHIEDERE IL CREDITO

  2. RISPONDE L’AUTORE DEL’ARTICOLO
    Caro Enzo,
    per motivi organizzativi miei dovresti porre il quesito tramite IL FORM di ” consulenza gratuita on line” su studiodidio.com, cui puoi accedere anche dal blog ” Ascom Procida”
    Grazie e ciao.

  3. VORREI SAPERE SE NELLA REGIONE SICILIA E’ POSSIBILE USUFRUIRE DEL NUOVO CREDITO D’IMPOSTA E SE QUESTO E’ STATO APPROVATO DALLA UE . DA QUANDO SI PUO’ UTILIZZARE?

  4. VORREI SAPERE SE ALLA DATA ODIERNA E’ POSSIBILE CHIEDERE IL CREDITO D’IMPOSTA NELLA REGIONE SICILIA O BISOGNA ATTENDERE ANCORA IL PARERE DELLA COMUNITA’ EUROPEA.
    E POI PER L’ACQUISTO DI UN AUTOCARRO O DI UN ESCAVETORE O UN BOB CAT E’ POSSIBILE CHIEDERE IL CREDITO

  5. Salve a tutti, iieri ho scoperto che la ns. comm. non ha fatto richiesta per un credito d’imposta a noi impresa edile spettante. L’acquisto è stato fattto nell’aprile del 2007 e riguarda una certificazione commerciale, quindi un software con connesso hardware per il suo utilizzo. Ora se l’acquisto è stato fatto nell’aprile del 2007 possiamo ad oggi 20 novembre 2009 fare qualcosa? c’è una prova con cui capire se la comm. era in buona fede? Grazie di cuore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...