Italia, paese più “accogliente” d’Europa

Fonte: Confcommercio

ITALIA “REGINA” DELLA RICETTIVITA’ IN EUROPA

Quarti nel mondo per numero di camere d’albergo, dopo Usa, Giappone e Cina. Questi i dati del “Rapporto 2007 sul sistema alberghiero in Italia” presentato da Federalberghi e realizzato da Mercury.

L’Italia, con oltre 1 milione di camere d’albergo e 2 milioni di posti letto, non ha rivali in Europa per capienza recettiva, anche se la Spagna, con meno camere (800mila) e posti letto (1,6 milioni), la supera in numero di pernottamenti (246 milioni contro 240 milioni). L’Italia si piazza così al quarto nel mondo per numero di camere d’albergo, dopo Stati Uniti con 4,4 milioni di stanze, Giappone con oltre 1,5 milioni e Cina con 1,3 milioni. Questi i risultati del “Rapporto 2007 sul sistema alberghiero in Italia” presentato a Roma nell’ambito della 57esima assemblea generale ordinaria della Federazione degli Albergatori Italiani e realizzato dalla società Mercury.

Per quanto riguarda il numero di alberghi in Europa primeggia la Germania con 36,5 mila strutture seguita dall’Italia con 33,5 mila hotel. Troviamo quindi il Regno Unito con quasi 33 mila strutture, la Francia con quasi 20 mila alberghi e la Spagna con 17,6 mila hotel. Se però mettiamo a confronto la capienza ricettiva europea, l’Italia non ha rivali: oltre 1 milione di camere ed oltre 2 milioni di posti letto, rispetto a Germania (890 mila camere e 1,6 milioni letti), Spagna (800 mila camere e 1,6 milioni letti) e Francia (630 mila camere e 1,7 milioni letti). “Numeri – ha detto il presidente di Federalberghi-Confturismo e vicepresidente vicario Confcommercio, Bernabò Bocca – che parlano da soli e che costituiscono la migliore base per un recupero sostanziale di arrivi e pernottamenti di turisti, se le campagne promo-pubblicitarie che l’Enit-Agenzia del Turismo si appresta a varare, colpiranno nel segno“.
Anche nei numeri assoluti dei pernottamenti l’Italia è ai vertici preceduta soltanto dalla Spagna. In Spagna, infatti, si sono registrati circa 246 milioni di pernottamenti (anno 2005-ultimissimi dati ufficiali Istat), segue l’Italia con 240 milioni, la Germania con 200 milioni e la Francia con 198 milioni.
Quest’ultimo dato della Francia – sostiene Bocca – confligge non poco con i resoconti che il Paese d’Oltralpe pubblicizza annualmente e mette a nudo una incoerenza statistica sul sistema di rilevazione dell’Unione Europea da noi sempre denunciata“. Ad ulteriore supporto di questa affermazione, all’esame percentuale delle quote di mercato dei paesi mediterranei, relativo ai pernottamenti alberghieri, la Spagna accoglie il 22,8% della domanda complessiva, l’Italia il 22,3% e la Francia solo il 17,9%. “Il sistema ricettivo del nostro Paese – ha commentato ancora il presidente di Federalberghi-Confturismo – è quasi giunto al punto di saturazione e più che pensare a nuovi insediamenti di massa, occorre lavorare ad un progetto di incentivi per riqualificare ulteriormente l’esistente, regolamentando al contempo la nascita di quei nuovi fenomeni di ricettività che contribuiscono comunque a rendere più competitivo il nostro Paese“.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...