Oneri detraibili: gli interessi passivi sui mutui

a cura di Giorgio Di Dio – isola di Procida

Interessi passivi su mutui agrari

Sono detraibili gli interessi passivi e relativi oneri accessori pagati dal contribuente in dipendenza di prestiti o mutui agrari. Sono integralmente detraibili gli interessi per prestiti e mutui agrari contratti sino al 31 dicembre 1989 mentre quelli contratti dal 1° gennaio 1990, possono venire detratti solo nel limite dei redditi dei terreni il debito è maturato.

Interessi passivi su mutui ipotecari per l’acquisto di unità immobiliari

  • la detrazione è ammessa a condizione che l’unità immobiliare venga adibita ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto e che l’acquisto sia avvenuto nell’anno precedente o avvenga nell’anno successivo alla data di stipulazione del mutuo.
  • la detrazione si calcola su un importo massimo di euro 3.615,20. In caso di contitolarità tra marito e moglie del contratto di mutuo ciascuno dei coniugi può indicare al massimo un importo di 1.807,60 euro; in caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro la detrazione spetta a quest’ultimo per entrambe le quote;
  • il diritto alla detrazione si perde dal periodo d’imposta successivo a quello in cui l’immobile non è più utilizzato come abitazione principale, salvo il caso di variazione della abitazione principale per trasferimento per motivi di lavoro; non si tiene inoltre conto delle variazioni dipendenti da ricoveri permanenti in istituti di ricovero o sanitari, a condizione che l’unità immobiliare non risulti locata;

La detrazione per interessi passivi si estende anche all’ipotesi di:

  • acquisto di immobili destinati ad abitazione principale dei familiari del contribuente; il diritto alla detrazione spetta al contribuente acquirente e intestatario del contratto di mutuo, anche se l’immobile viene adibito ad abitazione principale di un familiare;
  • acquisto di unità immobiliare locata; in tale caso, la detrazione spetta a condizione che entro tre mesi dall’acquisto sia stato notificato al locatario l’atto di intimazione di sfratto per finita locazione e che entro un anno dal rilascio l’unità immobiliare sia adibita ad abitazione principale.

Nel caso in cui l’immobile acquistato sia oggetto di lavori di ristrutturazione edilizia, comprovata dalla relativa concessione edilizia o atto equivalente, la detrazione spetta a decorrere dalla data in cui l’unità immobiliare è adibita a dimora abituale, e comunque entro due anni dall’acquisto.

I dipendenti delle forze armate e delle forze di polizia hanno diritto alla detrazione degli interessi passivi relativi alla costruzione ed all’acquisto dell’unica abitazione in proprietà indipendentemente dal requisito della dimora abituale.

In caso di accollo di mutuo tutte le condizioni di detraibilità passano al contribuente che si è accollato il mutuo dalla data di stipulazione del contratto di accollo.

Non sono detraibili gli interessi derivanti da aperture di credito bancarie, anche se garantite da ipoteca nè gli interessi pagati a seguito di cessione di stipendio e tutti gli interessi derivanti da finanziamento diversi da quelli di mutuo con garanzia ipotecaria su immobili.

In caso di mutuo superiore al costo per l’acquisto dell’immobile, l’agevolazione deve essere limitata al costo di acquisto, dato dal valore dell’immobile indicato nel rogito e degli oneri accessori, debitamente documentati;

Tra gli oneri accessori non vanno comprese le spese di assicurazione dell’immobile che alcune banche richiedono oltre la garanzia ipotecaria.

Rientrano, invece, oltre alle spese notarili, anche le spese di mediazione, le imposte di registro e quelle ipotecarie e catastali.

Concorrono, inoltre, ad incrementare il costo di acquisizione dell’immobile, anche:

  • le spese relative ad un provvedimento del Giudice tutelare che autorizza un soggetto (ad esempio minore, inabilitato o interdetto) alla compravendita di un immobile;
  • le spese sostenute nei procedimenti di esecuzione individuale o concorsuale.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

One thought on “Oneri detraibili: gli interessi passivi sui mutui

  1. Hostipulato un mutuo ipotecario per la mia prima casa costruita da me.
    L’Agenzia delle Entrate non riconosce la deducibilità di questo mutuo perchè è stato contratto prima del 1988.
    Mi sapete dire perchè?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...