Il concerto di Enzo Avitabile e Bottari a Procida

Fonte: ProcidaMia

SERATA DI MUSICA E CALORE A MARINA GRANDE…..GRAZIE ASCOM !!

Pioggia, tempo incerto e nuvoloni non hanno fermato la solarità di Enzo Avitabile. Il cantante partenopeo si è esibito la sera del 29 settembre alla Marina grazie allo spirito di intraprendenza dell’ASCOM Eventi , nell’ambito della manifestazione”La provincia di Napoli in vetrina“.

Molte persone sono state fermate dal cattivo tempo, altre sono andate via pensando che il concerto fosse saltato….ma quando tutto sembrava perso Avitabile è salito sul palco con la sua band e ha dato inizio allo spettacolo. Non si può dire che sia un cantante political correctly (l’ha detto lui stesso), è tutto anima e fisicità. Avitabile incitava il pubblico, lo blandiva, lo prendeva in giro pur di coinvolgerlo…e alla fine c’è riuscito: la Marina era riscaldata dall’energia delle persone che ballavano!

Sul palco, insieme ai musicisti “classici“, un gruppo di ragazzi con tamburi fatti di botti per il vino, i Bottari, guidati da una sorta di maestro che egli definiva “capopattuglia“… suonavano con tutto il corpo, una forza della natura ! Avitabile ha fuso il suo sound con la tradizione dei Bottari, le cui origini risalgono al XIII Sec. : gli strumenti sono botti, tini e falci, usati come percussioni e scandiscono gli arcaici ritmi delle professioni.

Si narra che tutto abbia avuto inizio dai contadini che, nel tentativo di scacciare gli spiriti maligni dagli angoli bui delle loro cantine, percuotevano freneticamente attrezzi impiegati nel lavoro quotidiano dei campi. Vengono eseguiti particolari
modelli ritmici, quello violento e ossessivo della Pastellessa, quello lento e cadenzato del Passo della Morte, ed infine quello della Zeza.

Ricordiamo che Avitabile è l’unico bianco ad aver affiancato James Brown sul palco, in una serie di concerti europei; ha suonato con successo ad Umbria Jazz con Maceo Parker. Nel 1980 ha partecipato all’album “Nero a metà” di Pino Daniele e come sassofonista nel disco di Edoardo BennatoSono solo canzonette“.
Nel 1982 esce il suo primo lavoro discografico”Avitabile“, l’anno successivo prende vita “Meglio soul” e l’anno dopo “Correre in fretta“. Il 1986 è l’anno di uscita di uno dei suoi lavori più noti “SOS Brothers“, che contiene la storica “Soul express” e “Black out“, la copertina del disco viene affidata ad Andrea Pazienza : il disco lo fa conoscere al grande pubblico e lo proietta ai vertici delle classifiche musicali italiane. Del 1990 è invece “Stella dissidente” con la bellissima copertina di Milo Manara. Del 1994 è “Easy“, dove canta in duetto con Randy Crawford; in quest’occasione la EMI gli affibia l’etichetta di “artista ingestibile” , per essersi rifiutato di partecipare a Sanremo.
Una maggiore attenzione alla musica rap ed un ritorno all’uso del napoletano nei testi, porta nel 1996 alla realizzazione di “Addò” in collaborazione con gli Agricantus.
Nel 1999 è la volta di “O-issa“: dodici brani, di cui due canzoni scritte con l’artista africano Mory Kante e una canzone scritta completamente in parlésia .
Una parte dei proventi viene destinata a sostenere l’iniziativa dell’UNICEF per garantire il diritto alla scuola alle bambine del Benin.
Seguono nel 2004 “Salvamm’o munno” (parte degli introiti devoluti ad AMNESTY INTERNATIONAL per la causa dei bambini soldato), “Sacro Sud” nel 2006 e nel 2007 “Festa Farina e Forca“. Dall’anno accademico 2006/2007 Avitabile insegna al Laboratorio di Etnomusicologia presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa.

Avitabile non è andato via da Napoli come hanno fatto altri artisti come Pino Daniele, come altri che hanno sfondato, che hanno deciso di frequentare “i posti giusti“. E’ rimasto a Napoli, nei quartieri popolari e continua a parlare in dialetto, senza mezzi termini, senza giri di parole.

Sono comparsi in scena, sotto forma di marionette, anche Pulcinella e Totò, forse Avitabile vuole mostrarsi in continuità con questi, vuole essere un napoletano verace, rappresentare la Napoli dei vicoli, della povertà, dell’arte di arrangiarsi ma anche del ritmo, del calore, dell’allegria mista alla tristezza.

Annalisa Coppola

One thought on “Il concerto di Enzo Avitabile e Bottari a Procida

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...