Quesito: contributi INPS srl artigiane o commerciali

a cura di Giorgio Di Dio – isola di Procida

Nicoletta chiede:

1. NICOLETTA, su Dicembre 18th, 2007 a 13:03

SE FOSSI SOCIO DI UNA SRL CHE FA AUTOTRASPORTI, GIA’ ISCRITTA ALLA CCIAA , L’ISCRIZIONE ALL’INPS E’ NELLA SEZIONE COMMERCIANTI? POI CHI L’EFFETTUA, IL COMMERCIALISTA, O SE NE OCCUPA IL REGISTRO DELLE IMPRESE AL MOMENTO DELL’ISCRIZIONE DELLA SOCIETA’?
SUL SITO DELL’INPS MI PAREVA FOSSE COSI’…
INTANTO RINGRAZIO….

La mia prima risposta

2. Giorgio Di Dio, su Dicembre 19th, 2007 a 12:56

PER NICOLETTA

Nel quesito non viene specificato se la srl è iscritta all’albo artigiani. In questo caso il collegamento tra albo artigiani e inps funziona e l’iscrizione all’inps è quasi automatica. Se non è iscritta all’albo artigiani l’iscrizione all’INPS avviene nella sezione commercianti. In questo caso conviene attivarsi per essere iscritti anche per non correre il rischio che i contributi arrivino dopo diversi anni.
Giorgio Di Dio

Nicoletta chiede ancora:

3. NICOLETTA, su Dicembre 19th, 2007 a 17:15

S.R.L. AUTOTRASPORTI…
IL PROBLEMA E’ CHE NON PUO’ ESSERE ARTIGIANA VISTO CHE I DUE SOCI DI SRL SONO UNO LAVORANTE E L’ALTRO HA PRESTATO LA LICENZA PER AUTOTRASPORTI LAGUNARI
E NON E’ LAVORATORE.
PER QUESTO SIA ISCRITTA NELLA SEZIONE ORDINARIA…
QUINDI DOVRO’ ATTIVARMI PER L’ ISCRIZIONE PER LA POSIZIONE INPS COMMERCIO.
MA QUALORA IL SOCIO NON FOSSE LAVORATORE E PARTECIPI QUINDI SOLO CON CAPITALE… PUO’ NON VERSARE L’INPS ? MI SCUSO SE SONO DOMANDE BANALI…E OVVIE…
INTANTO GRAZIE MILLE PER LA RISPOSTA PRECEDENTE.

I ripetuti quesiti posti dalla lettrice ci danno l’occasione per dare qualche chiarimento in più sulle Srl artigiane.

Con la legge 57/2001, è stata ammessa la possibilità di inserire fra le imprese artigiane anche le società a responsabilità limitata con più soci che rispettano alcuni requisiti fissati dalla legge, che elenchiamo:

  1. I soci che lavorano nell’impresa devono avere la maggioranza delle quote del capitale sociale e controllare gli organi deliberanti dell’impresa (assemblea dei soci, amministratore unico o il consiglio di amministrazione qualora esso venga costituito).
  2. Il lavoro personale dei soci può essere anche intellettuale e non solo manuale, ma deve essere utile al processo produttivo dell’impresa.
  3. Il capitale sociale non può essere inferiore 10.000 euro.
  4. Ad ogni socio spetta una quota della società, ma è possibile stabilire quote di diverso ammontare.
  5. L’impresa deve essere già iscritta o ottenere l’iscrizione all’albo delle imprese artigiane.

L’impresa artigiana può essere anche una S.r.l. con più soci. Fra i soci sono ammesse anche persone che mettono solo il capitale e che per legge non possono lavorare nel processo produttivo dell’impresa. Il controllo dell’impresa è sempre dei soci che lavorano.

Sono escluse dalla possibilità di essere imprese artigiane:

  1. Le società in accomandita per azioni e le società per azioni.
  2. Le imprese che superano i limiti di dimensione fissati per l’artigianato.

Ovviamente la S.r.L artigiana con più soci ha dei vantaggi. Il patrimonio personale dell’artigiano e della sua famiglia è separato da quello dell’impresa, ci possono essere soci che mettono parte del capitale ma che non lavorano, si possono avere prestiti bancari a condizioni migliori ecc.

L’impresa artigiana si può costituire direttamente come S.r.L. o se è già costituita in ditta individuale o in società di persone, può trasformarsi in S.r.L.

Ovviamente la S.r.L ha maggiori adempimenti rispetto a una ditta individuale o a una società di persone, quali, per esempio, la redazione del bilancio Cee e il deposito dello stesso alla Camera di commercio.

Per rispondere al quesito dobbiamo dire che la S.r.l puè essere iscritta all’albo artigiani, a particolari condizione, anche se ci sono soci non lavoratori. Detto questo, l’ultimo dubbio posto nel quesito è se i soci non lavoratori devono essere iscritti all’INPS. La risposta è negativa in quanto l’obbligo di iscrizione all’INPS del soci di S.r.L è previsto solo in presenza del requisito della partecipazione personale al lavoro aziendale con carattere di abitualità e prevalenza.

7 thoughts on “Quesito: contributi INPS srl artigiane o commerciali

  1. salve, io ed un mio collega volevamo aprire una societa’ di installazione di impianti elettrici, e specificatamente una S.a.s, siamo pero’ gia’ dipendenti a tempo indeterminato in due al tre societa’, ci siamo informati attraverso la camera di commercio che ci iscriverebbe al R.i. registro imprese senza problema, il quesito rimane per l’inps che avendo una posizione gia’ apersa dove ci collocherebbe?
    Grazie per la risposta, nessuno ci ha saputo dare una soluzione, anche consulenti del lavoro e commecialisti.

  2. RISPONDO A DAMIANO
    Se l’attività prevealnte è quella di lavoratori dipendenti non dovete essere iscritti all’INPS ( questo riguarda i soci accomandatari perchè gli accomandanti sono già di per sè esclusi). Tale situazione, però, è da provare all’ inps, eventualmente, tramite ricorso all’iscrizione fatta d’ufficio nella gestione commerianti.
    Ciao
    Giorgio Di Dio

  3. Salve,
    ho costituito una sas di cui sono socia accomandataria; come posso evitare la mia iscrizione all’inps ed iscrivere solo la socia accomandante, mia madre, che si occuperà del lavoro?

  4. L’inps mi chiede di iscrivermi pur essendo amministratore unico ma la mia partecipazione personale al lavoro aziendale non ha carattere di abitualità e prevalenza, e non viene retribuita.
    Abbiamo una casa vacanze e siamo 2 soci.
    grazie……

  5. L’inps mi chiede di iscrivermi pur essendo amministratore unico ma la mia partecipazione personale al lavoro aziendale non ha carattere di abitualità e prevalenza, e non viene retribuita. Inoltre x 6 mesi sono assunto e messo in regola con altra ditta che versa regolarmente i contributi per la mia posizione…???
    Abbiamo una casa vacanze e siamo 2 soci.
    grazie……

  6. Buonasera,
    sono proprietario al 95% di una società di costruzioni che non ha mai svolto alcun tipo di lavoro fino ad adesso. E’ stata costituita nel 2006 e attualmente come camera di commercio è attiva, dato che stiamo procedendo ad avere delle possibilità di lavoro, mi hanno richiesto il Durc. Per ottenere il Durc, mi hanno detto ad Inps ed Inail che devo iscrivermi, e che essendo non iscritto da tutto questo tempo, l’inail vorrà fare dei controlli per vedere se è vero che non ho mai lavorato in questi 5 anni. Mi hanno chiesto un monte di cose … per una società che non ha nulla. Ora: per ottenere l’ok da parte del Comune ho bisogno del Durc. Come mi devo comportare?
    grz

  7. Sono titolare di un’officina individuale stavo pensando di trasformare la mia attivita’ artigiani in una ditta Srl secondo voi ho dei vantaggi ???????

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...