km ovvero miglio 0, un’oppurtunità.

Fonte: La Repubblica.

Questo può essere l’unico caso in cui la somma di due zeri, diventa un numero positivo.

Un’offerta delle aziende commerciali e parimenti una richiesta dei consumatori  nel segno del km zero possono diventare un’occasione di guadagno per gli uni e risparmio per gli altri.

” Perchè a Procida non si raccolgono più i melograni?”, chiedeva l’autrice Imma Gargiulo, in occasione della presentazione del suo libro, “Le ricette di Imma”, lo scorso sabato, presentato a Mare Nostrum, ” eppure ricordo che  mia nonna lo faceva diventare oltre che un’alimento anche un gioco”.

E “perchè” si chiedeva Riccardo Strada, Direttore del Parco Marino Regno di Nettuno, ”  le imbarcazioni da pesca buttano il pescato, pesce azzurro, in eccesso nelle acque del porto di Pozzuoli?”, aggiungendo ” lo si potrebbe utilizzare per  farne cibo fresco per allevamenti di pesci”.

Quest’indagine, di cui rinviamo alla pagina di Repubblica,  sembra confermare un’evoluzione dei consumi che va al di là di una  semplice tendenza, sembra profilarsi uno sviluppo di abitudini di vita degli italiani e dei loro consumi, non solo alimentari, verso un utilizzo equilibrato delle loro risorse, per esempio verso  acquisti a Km 0, ( o pesce miglio 0, che è stato il tema dominante di tutta la manifestazione Mare Nostrum ).

Da qui può nascere anche l’opportunità di un  commercio al dettaglio che sappia orientarsi in tale direzione, che sappia essere pronto a cogliere le  occasioni che si profilano anche in periodi come questi.

” Se mi trovo, improvvisamente, a dover preparare qualcosa per ospiti inattesi, come una pasta aglio, olio e peperoncino e mi manca il primo ingrediente, posso ricorrere, senza perdermi d’animo, a quello presente nei vasetti sott’olio che abbiamo in casa, come quelli, fatti in proprio che avete a Procida, melanzane, peperoni, peperoncini  carciofini e quant’altro”, diceva ancora  l’autrice.

C’è la crisi, gli italiani tornano a tavola
e si prepara tutto nelle cucine di casa

Secondo un’indagine della Swg per conto della Coldiretti, le famiglie si affidano sempre meno ai prodotti già pronti dei supermercati e delle rosticcerie. Aumentano gli acquisti delle materie prime come uova (+5,3%) e farina (+8,3%). E per la prima volta quasi annullato lo spreco di cibodi JENNER MELETT

One thought on “km ovvero miglio 0, un’oppurtunità.

  1. Pingback: Il Mangiare è mangiare. « Ascom Confcommercio Isola di Procida

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...