“L’onesta andrà di moda” Le regole del mercato o il mercato delle regole.

“La legalità  andrà di moda”.
Portobello road.

Portobello road.

Non staremo certo parlando di Portobello road,  forse il più importante mercatino al mondo, come pure non staremo certo cercando di far parlare Portobello, il più famoso pappagallo della televisione italiana di qualche anno fa, per fargli vincere la sua ostinazione.

Enzo Tortora e Portobello.

Enzo Tortora e Portobello.

Ma stiamo parlando semplicemente della lodevole iniziativa di far svolgere sul nostro territorio un mercatino periodico del baratto, dell’usato e dell’artigianato in luogo pubblico ed aperto al pubblico, promossa da un’altra associazione di categoria, Casartigiani, rispetto alla quale l’Ascom  Procida ha sempre proposto sia alla suddetta associazione, sia ad alcuni soggetti partecipanti, sia alle Istituzioni locali di stabilire preventivamente alcune regole che, in armonia con le norme nazionali e regionali, possano divenire uno strumento stabile, agile e veloce per il ripetersi di queste iniziative e di altre dello stesso tipo. Nostra unica preoccupazione e’ stata quella di dar vita ad un regolamento comunale ( peraltro fino ad ora inesistente ) che stabilisca modalità , tempi, forme, costi ( quelli connessi all’occupazione di suolo pubblico per esempio )di mercatini più o meno occasionali, fiere e mostre di vario genere ordine e grado,  che sappia coniugare le esigenze degli artigiani ( della pelletteria, del corallo, delle arti bianche, panettieri, pasticcieri, pizzaioli, del legno, del ricamo  ed altri ancora)  locali ,peraltro nostri associati, con i giovani che vogliano affacciarsi nel mondo del lavoro artigianale ed anche commerciale in genere. Già da tempo andiamo affermando la necessità di rilanciare l’artigianato, dove ancora possano esserci spazi di mercato disponibili. Nell’autunno dello scorso anno, nell’ambito della manifestazione Mare Nostrum cercammo di portare all’attenzione dell’opinione pubblica la necessità di riscoprire i mestieri del mare , nella gastronomia ( cuochi e chef ) nella nautica ( mastri d’ascia, artigiani del legno all’interno delle barche, la costruzione e sopratutto la riparazione delle vele,  idraulici, falegnami, tecnici vari )un universo di professionalità artigianali che nel nostro territorio non  c’è mai stato o non c’e’ più, sopratutto nel comparto nautico e che ormai proviene da fuori. È proprio di questi giorni l’apertura di una mostra di icone sacre presso la Congrega dei Turchini ( di cui siamo sponsor ) con l’esposizione oltre che di immagini votive e reliquie , di tessuti, paramenti e vesti religiose con ricami di donne Procida di valore assoluto ( il ricamo procidano altro settore di eccellenza e di possibile futuro professionale che potrebbe essere rilanciato). Come non ricordare ancora l’eccellenza ricamatrice che ruota intorno al vestito di Graziella ( raccontato anche in un libro ” L’oro del mare ” curato da Elisabetta Montaldo e Tilde Sarnico , che ricostruisce la storia di un abito di grandissimo pregio artistico, culturale, storico, tradizionale ed interamente procidano) che grazie anche all’impegno alcuni e di qualche amministratore piu’ attento, con non poca fatica, riesce a sopravvivere all’oblio.
Il nostro impegno di questi anni oltre che per la tutela del commercio e dell’artigianato esistente e’ sempre stato per la loro valorizzazione ed il loro sviluppo. Siamo altresì convinti che il lavoro non si crei per decreto, ma che il suo principale fondamento stia nell’idea creativa e nella passione che sostiene quel l’idea. Nostro  compito come   associazione, consapevole dei limiti , e’ anche quello di contribuire a creare un sistema di regole che favorisca la nascita di idee, il loro sviluppo e la loro resistenza nella competizione e nella leale concorrenza , attraverso la veste d’impresa, l’unica in grado di sviluppare appieno l’idea creatrice. Il Presidente dell’Ascom Eugenio Michelino, anche attraverso il suo impegno nella nautica ( consigliere nazionale dell’Assonat ) da tempo va predicando con passione la necessita’ di riscoprire queste professionalita’, fortemente legate al territorio , tanto alla terra ferma quanto al mare e che attraverso un esperienza ormai centenaria ne ha fatto un punto di eccellenza ( Procida nel corso della sua storia e’ divenuta la quarta marineria del Regno per la costruzione dei bastimenti a vela, le tartane,  alcuni abiti di Graziella anche di fattura recente sono stati venduti a collezionisti privati per migliaia di euro ). In tutta questa vicenda del mercatino del baratto, dell’usato e dell’artigianato non c’e’ mai stato nessun atteggiamento prevaricatorio o minatorio, ne da parte dell’Ascom Procida ne da parte della Confcommercio di Napoli, che  per mano del suo Presidente, Pietro Russo,   e’ intervenuto con una missiva presso le Istituzioni e le Forze dell’ordine al solo fine di invitare i soggetti coinvolti, nei limiti dei propri ruoli, dei propri poteri e delle proprie responsabilitài, al rispetto delle regole che già esistono. Noi da parte nostra abbiamo sempre invitato tutti al confronto per le norme di competenza locale che possano favorire la nascita, il rilancio, la valorizzazione del commercio e dell’artigianato. Non vogliamo il mercato delle regole secondo convenienza ed interesse particolare, ma le regole del mercato secondo aspettative, speranze, opportunità ed esigenze.

Il più famoso mercatino al mondo!!!

Il più famoso mercatino al mondo!!!

Prima nasce l’artigiano e poi il mercato. Prima viene l’idea e poi la possibilità di trarne legittimamente profitto. I nostri unici no sono  stati per il mercato degli hobbisti, degli assemblatori casalinghi di manufatti di dubbia ed incerta origine ( non certo con materie prime certificate nel pieno rispetto della disciplina della tracciabilita’ ed effettivamente derivanti da territori locali ) ed un no per soluzioni ( tempi e modalità e luoghi già decisi e blindati ) non rispondenti a reali necessità di tutela e valorizzazione dell’artigianato, del baratto e dell’usato. Se Portobello road deve essere, che sia un mercatino delle opportunità, della creatività della passione dei tanti che ci credono. Lo ripeteremo sempre, a pappagallo!

Portobello o Portobello?!

Portobello o Portobello?!

Anche nelle parole del delagato all’evento, Giuseppe Giaquinto, ritroviamo confermate le nostre intenzioni e lo spirito della nostra posizione.
Premesso che è volontà dell’Amministrazione comunale favorire ogni forma di artigianato locale, di sagra, di recupero e di valorizzazione delle tradizioni, trovo il dibattito che si è sviluppato in questi ultimi giorni attorno alla fiera del baratto, dell’artigianato e dell’usato promossa dalla delegazione locale di Casartigiani alquanto animato da inutili livori e da premesse e conclusioni fuorvianti.
La verità è che Casartigiani locale ha presentato richiesta per effettuare una fiera dell’ artigianato, del baratto e dell’usato sull’isola di Procida, da effettuarsi con cadenza mensile e in siti da loro stessi indicati. Su tale iniziativa l’Ascom locale ha presentato delle proprie osservazioni, alcune immediatamente condivisibili, altre che meritavano un approfondimento ed un confronto. Trattandosi di un’iniziativa che si veniva a protrarre nel tempo, il Sindaco mi ha affidato l’incarico di seguire lo svolgersi dell’evento, dando ascolto a tutti gli attori locali coinvolti direttamente ed indirettamente nell’iniziativa in armonia con le esigenze sociali del territorio. Ho convocato immediatamente un tavolo con i rappresentanti delle  associazioni locali di categoria, della federconsumatori, del delegato al commercio del Comune  di Procida. Insieme abbiamo convenuto di autorizzare, nelle more, il primo appuntamento con la fiera dell’artigianato, del baratto e dell’usato  promosso da casartigiani per il mese di giugno localizzandolo in via Giovanni da Procida a Chiaiolella, con la condivisa necessità, che prima della realizzazione del secondo evento, il Comune si impegnava a produrre un regolamento che desse delle linee di indirizzo all’evento, garantisse a tutti la partecipazione,   facesse da incubatore e tutoraggio per garantire all’isola un artigianato di qualità e di tradizione, regolamentasse lo scambio, sorvegliasse l’usato nel rispetto delle normative in materia. A questa volontà dell’amministrazione nessuno si è mostrato contrario. Nei giorni successivi perveniva da parte di Casartigiani locale la rinuncia, in forma verbale, alla realizzazione dell’evento in attesa della successiva regolamentazione. Ne abbiamo preso atto con dispiacere, ma nel frattempo io stesso insieme con il consigliere delegato al commercio, dott. Salvatore Allocco, abbiamo redatto un regolamento sulla materia che è al vaglio della competente commissione consigliare e quanto prima verrà portato in consiglio comunale per la successiva approvazione.
Con questo regolamento viene istituita una mostra mercato a carattere locale di oggetti di artigianato, di antiquariato, di collezionismo, d’arte, di usato, di scambio, di prodotti dell’agricoltura locale, di ogni forma espressiva in genere denominata “Creatività e Tradizione di Piazza” coordinata dal Comune ma con la possibilità di affidarla anche a soggetti esterni all’ente con le dovute garanzie e nel rispetto del regolamento approvato.
Questo è quanto: nulla c’entra la lettera del Presidente Provinciale di Confcommercio, di cui nè io nè il consigliere Allocco conosciamo il contenuto, nulla c’entra la volontà o i presunti diktat di dirigenti locali dell’Ascom, che hanno da subito accettato un tavolo di confronto ed una soluzione che resta nelle competenze dell’amministrazione comunale, nulla c’entra ogni bega personale o di bottega nella vicenda o, forse, c’entrano troppo. Le mostre mercato di artigianato, dell’usato e del baratto si faranno, saranno aperte a tutti, seguiranno le indicazioni regolamentari approvate, saranno curate dalla stessa casartigiani o da altri soggetti associativi, se vorranno. Cosi come, mi sento di assicurare, esprimendo certamente anche la volontà del Sindaco, si faranno le sagre e le feste di grancia nel rispetto delle norme vigenti. Anzi con il via libera del consiglio comunale alla istituzione delle grancie e alla consulta delle associazioni eventi di questo tipo si moltiplicheranno e troveranno nell’amministrazione comunale tutta l’assistenza per poterle effettuare ed il sostegno per poterle far nascere.
Procida è un’isola che appassiona proprio perchè è ancora capace di esprimere tradizioni, cultura, vocazioni, ingegno creativo. E’ un patrimonio che va salvaguardato ed opportunamente e correttamente sviluppato.”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

6 thoughts on ““L’onesta andrà di moda” Le regole del mercato o il mercato delle regole.

  1. scsusatemi ,vorrei sapere chi si e’ presentato al tavolo come federconsum,atori ,facendi parte il sottoscritto del coordinamento ed essendo all’oscuro di questo tavolo .
    .

  2. Thank you for spending some time to write “Lonesta
    andrà di moda Le regole del mercato o il mercato delle regole.
    | Ascom Confcommercio Isola di Procida”. Thanks a ton once more -Denise

  3. “Lonesta andrà di moda Le regole del mercato o
    il mercato delle regole. | Ascom Confcommercio Isola di
    Procida” genuinely got me simply hooked on ur blog!
    Iwill wind up being back again far more regularly. Thank you ,Delores

  4. “Lonesta andrà di moda Le regole del mercato o il
    mercato delle regole. | Ascom Confcommercio Isola
    di Procida” was in fact a wonderful post.
    If it possessed a lot more photographs this would likely be possibly even a lot better.
    Regards -Etta

  5. “Lonesta andrà di moda Le regole del mercato o il mercato delle regole.
    | Ascom Confcommercio Isola di Procida” was indeed a terrific post, can not wait to look over far more of ur blogs.
    Time to waste a little time on the net haha. Thanks a lot -Karissa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...