“DESTINAZIONE ITALIA 2020”: IL TURISMO GUARDA AVANTI.

Fonte:  Confcommercio.

Si è chiusa a Torino la Conferenza promossa da Confturismo su scenari, tendenze e strategie per valorizzare il turismo italiano. Brambilla: “turismo emergenza nazionale, serve un vero lavoro di squadra“.

TORINO – La “due giorni” organizzata nel capoluogo piemontese da Confturismo si è chiusa con una tavola rotonda introdotta da una relazione di Jacques Attali. Il presidente di PlaNet Finance Group ha tracciato un quadro delle prospettive dell’economia mondiale nei prossimi decenni, sottolineando soprattutto la forte influenza della prevista esplosione demografica. Il “rimescolamento” che si determinerà porterà in primo piano interi continenti, come l’Africa, oggi ai margini e, per i Paesi più sviluppati, comporterà la necessità di rivedere drasticamente il proprio modello di sviluppo. “La vera tragedia italiana – ha detto a questo proposito Attali – è proprio la demografia”. Per quanto riguarda specificamente il turismo italiano, ci sarà bisogno  di “più infrastrutture, più Internet, più grandi eventi” per intercettare soprattutto il movimento turistico di fascia alta, previsto in enorme sviluppo.

La parola è quindi passata al sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, che ha parlato dell’esperienza vissuta dalla città con l’aumento del flusso turistico a partire dal periodo delle Olimpiadi, sottolineando però che “se vero che i grandi eventi, di per sé, mettono in moto un aumento del turismo, per assicurare una continuità positiva occorre però una programmazione che preveda strategie mirate per contenere il calo fisiologico che segue alla manifestazione”.

Il fondatore e primo presidente della Fondazione Altagamma, Santo Versace, ha parlato del ruolo del Sud nell’auspicato rilancio del turismo di casa nostra, specificando che ciò potrà avvenire solo dopo un totale ricambio della classe dirigente locale: “oggi – ha detto – regioni come Calabria e Sicilia sono la dimostrazione di come la politica possa distruggere la ricchezza. Se al Meridione non c’è lo Stato di diritto, se non ci sono infrastrutture, il problema è eminentemente politico”.

Secondo Enrico Salza, presidente del Consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, “seil turismo italiano è un settore ad altissimo potenziale, ma servono più investimenti, soprattutto al Sud“. Per quanto riguarda poi il problema dell’accesso al credito, in particolare per le pmi turistiche, Salza ha affermato decisamente: “non c’è mai stato tanto credito a basso prezzo come oggi e quindi anche il settore del turismo può sfruttare il momento per rafforzarsi in questa epoca di recessione per essere capace di ripartire insieme al rilancio dell’economia”.

L’assessore al Turismo e Commercio della Regione Emilia-Romagna, Guido Pasi, ha sottolineato l’esigenza di salvaguardare i nostri luoghi turistici, se vogliamo che i visitatori arrivino: “in Italia continuiamo a sprecare il nostro bene più prezioso, il territorio. E’ la speculazione immobiliare che uccide il turismo”. In generale, “serve una strategia a geometria variabile, visto che non esiste più un solo tipo di turismo. Per attuarla serve un luogo centralizzato dove la si possa pensare ed attuare, oltre ad una nuova legge quadro di riferimento”.

Per Matteo Marzotto, presidente dell’Enit-Agenzia per il Turismo, “comprendere il turismo tra le materie di competenza esclusiva delle Regioni ha generato più confusione che utilità. La gestione attuale è confusa, e lo stesso Enit-Agenzia ne viene schiacciato”. “Cio che manca – ha proseguito – è il coordinamento, mentre occorrerebbe fare sistema“.

Il presidente di Confturismo, Bernabò Bocca, si è limitato dopo il lungo intervento del giorno precedente ad una singola battuta, dicendo che “non bisogna sconvolgersi per la proposta di un bonus turismo dedicato alle famiglie meno abbienti che salverebbe anche tante imprese medio-piccole del turismo, quando non ci si sconvolge per le proposte che mirano a salvare una singola azienda automobilistica”.

I lavori si sono conclusi con l’intervento del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega al Turismo, Michela Vittoria Brambilla, che ha parlato di “turismo come emergenza nazionale, vista la perdita di competitività e quote di mercato. Fino ad oggi è mancata una vera politica per il settore ed ora serve un lavoro di squadra che sia capace di produrre iniziative davvero utili”.

Angelo Moretti

1) BOCCA: “RIPARTIAMO CON UN NUOVO SLANCIO ED UN NUOVO APPROCCIO”

2) SACCONI: “CREARE UN CLIMA PIÙ FAVOREVOLE ALL’ECONOMIA DEI SERVIZI”

CENTRI COMMERCIALI NATURALI, LA REGIONE AVVIA IL PROGETTO DI AIUTI.

Al via il progetto strategico regionale per

commercio e turismo – priorità a riqualificazione

aree mercatali e aggregazione di imprese

14/11/2008 – Su proposta dell’assessore regionale all’Agricoltura e alle Attività Produttive Andrea Cozzolino, la Giunta regionale ha approvato il Progetto strategico in materia di commercio e turismo per il periodo 2009-2011.
Il progetto prevede due ambiti di intervento:

  • Azioni a favore delle Amministrazioni Comunali per la riqualificazione delle aree mercatali e lo sviluppo dei centri commerciali naturali. Vengono finanziati i progetti dei Comuni al di sopra di 50mila abitanti oppure le Associazioni di Comuni con un numero di abitanti superiore a 50mila che prevedono la realizzazione di infrastrutture (parcheggi, arredo urbano, illuminazione pubblica ecc.) al servizio delle attività svolte nelle aree mercatali e nei Centri Commerciali Naturali. L’obiettivo è quello di promuovere la riqualificazione ambientale, urbana ed economica dei centri storici e di zone particolarmente degradate;
  • Azioni a sostegno dell’associazionismo in ambito commerciale e turistico, delle reti di imprese e di servizi nei settori del commercio e del turismo e di centri commerciali naturali. Vengono incentivate le iniziative delle associazioni e dei consorzi composti da almeno 15 imprese operanti nei settori del commercio e del turismo che puntano ad aggregarsi per offrire servizi integrati nell’ambito di una stessa area o quartiere. Sono finanziati interventi come la ristrutturazione dei locali, il rinnovo delle vetrine, la risistemazione degli spazi esterni e gli arredi interni. L’obiettivo è sostenere lo sviluppo delle attività commerciali valorizzando le potenzialità turistiche del territorio.

La Regione Campania, per l’attuazione del progetto, mette a disposizione 1 milione e 800 mila di euro, a cui si aggiungeranno fondi del Ministero dello Sviluppo economico.

“Con questa iniziativa diamo un sostegno concreto alla parte più consistente del sistema delle imprese regionali proprio nel momento in cui si annunciano difficoltà a causa della crisi finanziaria internazionale. Le attività commerciali sono, infatti, oltre il 90 per cento delle imprese private campane e sono uno dei pilastri della nostra economia reale”, dichiara l’assessore Cozzolino.
“Incentivare l’aggregazione tra imprese commerciali, sviluppare nuove strategie di marketing e di promozione valorizzando la grande potenzialità turistica della nostra Regione, è anche un modo per favorire una politica dei prezzi più competitiva che contenga i rincari e punti sulla qualità dell’offerta.
“Questo progetto è un’occasione importante anche per riscoprire tanti nostri centri storici, per riqualificare tante periferie attraverso un coinvolgimento diretto dei soggetti privati, insieme alle amministrazioni pubbliche, fin dalla fase progettuale. Su questa strada ci stiamo muovendo anche nella nuova fase di programmazione dei fondi comunitari per creare crescita e sviluppo, dando così nuove opportunità di lavoro soprattutto ai giovani”, conclude Cozzolino.

Finalmente potremo anche noi avviare quel processo di ammodernamento ( ristrutturazione, riqualificazione, formazione e aggiornamento,… ) e rilancio del commercio e del turismo isolano che da tempo andiamo perseguendo. Sopratutto in momenti come questi occorre ancora una volta ribadire la necessità dell’aggragazione e dell’associazionismo sia in ambito commerciale che turistico, ( come più volte sottolineato anche sul ns sito, ) per far fronte alle tante sfide economico commerciali e alle tante difficoltà che ogni giorno la ns società complessa ci sottopone ( trasporti, traffico, ambulantato, sicurezza, lavori pubblici, credito, ….).

A tal fine l‘Ascom Procida si rende nuovamente promotrice di iniziative volte alla costituzione dei Centri Commerciali Naturali a Procida, in primo luogo del Borgo Sent’Co e del Borgo Marinaro di Marina di Chiaolella, che al momento sembrano essere le due aggregazioni commerciali in più avanzata fase di costituzione, attraverso la realizzazione di progetti commerciali delle due zone che saranno poi presentati alle istituzioni locali competenti.

Rifiuti: Federalberghi Campania e L’Ascom Procida sollecitano le Istituzioni nazionali e locali

Anche i massimi rappresentanti della federalberghi regionale, si sono attivati direttamente con il Presidente del Consiglio per chiedere sostegno in questo difficilissimo momento del turismo in Campania.

Anche Procida, oltre ai quotidiani rapporti con il Sindaco Lubrano, ha avanzato analoghe richieste sia presso l’assessore provinciale al turismo Giovanna Martano, che presso gli assessorati regionali al turismo e al commercio.

Qui di seguito pubblichiamo i testi delle richieste dell’Ascom Procida e dei rappresentanti della Federalberghi regionale.

Spett.le
Assessorato al Agricoltura e alle Attività Produttive della Regione Campania,
e Cortesi Ass.re Cozzolino,
e Dott. Caronte,

approfitto della Vs attenzione e disponibilità per chiedervi un’ incontro con i rappresentanti dell’AscomConfcommercio di Procida, che fanno seguito a quelli intercorsi in passato, visto la Vs grande disponibilità verso le vicende di Procida, sopratutto di promozione e rilancio commerciale della Ns isola.
Per questo motivo, Vi chiediamo di poterci incontrare, oltre che per ristabilire un rapporto tra la Regione Campania e l’associazione di categoria che rappresento sui temi del commercio e delle attività produttive per cercare insieme proposte, soluzioni, iniziative e quant’altro si possa mettere in campo sopratutto in questo momento così difficile.

Il Presidente Ascom Confcommercio di Procida
Eugenio Michelino

Spett.le
Assessorato al Turismo e ai beni culturali della Regione Campania,
e Cortese Ass.re Velardi;

approfitto della Vs attenzione e disponibilità per chiederle un’ incontro con i rappresentanti dell’AscomConfcommercio di Procida, che fanno seguito a quelli intercorsi con il Vs predecessore, che aveva dimostrato molta disponibilità verso le vicende di Procida, sopratutto di promozione e rilancio turistico della Ns isola.
Per questo motivo, Le chiediamo di poterci incontrare, oltre che per ristabilire un rapporto, speriamo continuo, tra la Regione Campania e l’associazione di categoria che rappresento sui temi del turismo e della cultura in genere, per cercare insieme proposte, soluzioni, iniziative e quant’altro si possa mettere in campo sopratutto in questo momento così difficile.

Sicuro della Vs attenzione e speranzoso nella Vs disponibilità le invio i più cordiali saluti e la invito fin da ora a venire a trovarci a Procida, per conoscere e vedere da vicino la realtà turistico, culturale e imprenditoriale della ns isola.

Il Presidente Ascom Confcommercio di Procida
Eugenio Michelino

Fonte: Confcommercio.

Costanzo Iaccarino, presidente di Federalberghi Campania, e Pasquale Gentile, presidente di Federalberghi Napoli, hanno incontrato a Napoli il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in occasione della ‘visita’ settimanale promessa in campagna elettorale.

Iaccarino e Gentile hanno esposto a Berlusconi l’emergenza che il turismo napoletano e l’intera regione stanno purtroppo vivendo, sollecitandolo ad assumere urgentemente misure idonee a salvaguardare sia i livelli occupazionali del settore sia a far fronte alla crisi economica che ormai da mesi attanaglia le imprese ricettive.
Iaccarino e Gentile hanno quindi consegnato nelle mani del presidente del Consiglio un documento che riassume tecnicamente le richieste delle categorie turistiche. Il premier ha assicurato che il tema turismo priorità dell’Esecutivo, tanto che il sottosegretario Brambilla sta lavorando ad un progetto di rilancio dell’immagine turistica non solo dell’Italia ma anche e soprattutto di Napoli e della Campania.

Crisi dei rifiuti: indagine Unioncamere Isnart sui danni al turismo

L’EMERGENZA AMBIENTALE IN CAMPANIA: INIZIATA NEL 2007 CON UN CALO DI PRESENZE DI CIRCA IL 5% E UNA PERDITA DI FATTURATO DI 64 MILIONI DI EURO,PEGGIORA NEL 2008 QUANDO BEN IL 75% DEGLI OPERATORI DICHIARA UN PEGGIORAMENTO DELLA SITUAZIONE RISPETTO AI PRIMI MESI DEL 2007.

L’emergenza ambientale ha determinato importanti ripercussioni che colpiscono il settore turistico, ma anche l’immagine complessiva della regione Campania. In sintesi sono stati evidenziati alcuni dei principali effetti.

Una maggiore instabilità del risultato economico d’esercizio delle imprese campane, registrato sia nel 2007 ma soprattutto nei primi mesi del 2008, che vedono un generale peggioramento della situazione. In particolare è la provincia di Caserta ad aver subito un rallentamento più evidente dell’andamento economico d’esercizio, seguita da Benevento.

Sono gli agriturismo, che fanno della integrità dell’ambiente naturale il loro punto di forza, ad averne risentito maggiormente, mentre le difficoltà dei ristoratori e degli albergatori sembrano emergere negli ultimi mesi. Tra le aree prodotto le città sono quelle che risentono maggiormente dell’emergenza ambientale, mentre le destinazioni balneari sembrano quelle meno toccate dalla crisi.

Considerando specificatamente l’andamento economico delle strutture ricettive, coinvolte nell’indagine, si stima che nell’anno 2007 si sia verificato un calo di circa 650 mila presenze. In termini economici tale fenomeno ha generato una perdita di fatturato di 64 milioni di euro per le imprese ricettive.

Una contrazione della domanda turistica. Oltre 12 milioni di italiani (circa un quarto della popolazione) dichiarano che l’emergenza rifiuti sta influenzando la scelta della Campania come destinazione di vacanza, e anche gli operatori confermano un calo evidente sia sul mercato italiano che su quello straniero (in particolare dalla Germania e dagli Stati Uniti).

Sul turismo organizzato internazionale le conseguenze più evidenti si sono manifestate con un certo ritardo. Infatti, nel 2007 il numero delle disdette è stato contenuto, ma sin dai primi mesi del 2008 si è registrato un calo rilevante delle vendite. Un altro dato significativo, confermato dagli operatori internazionali, è che il problema dei rifiuti ha inciso su tali variazioni non solo in Campania, ma è stato generalizzato a tutto il mercato nazionale, sebbene con effetti più contenuti.

Rispetto alle tipologie di vacanzieri, l’emergenza ambientale colpisce nettamente il segmento leisure e, invece, influisce di meno su quello business. Un’ influenza sull’immagine della Campania, che la grande maggioranza degli operatori ritiene decisamente danneggiata dall’emergenza rifiuti.

Scarica l’indagine completa in formato .pdf

Invia ad un amico »

[diggita] [informazione] [OkNotizie] [Segnalo] [SEOTribu] [technotizie] [wikio] [YahooMyWeb] [Technorati]

La portualità turistica italiana nel contesto competitivo europeo

Il 13 ottobre prossimo (ore 15), presso il Centro congressi della Fiera di Genova, si terrà il convegno “La portualità turistica italiana nel contesto competitivo europeo“, organizzato da Assonat. Sarà un’occasione per proseguire il dibattito tra operatori ed istituzioni sul delicato momento che sta attraversando la portualità turistica nazionale, che allo stato rischia di divenire il freno dell’intero sistema della nautica.

Anche l’Ascom Procida a sarà presente a quest’incontro sia attraverso gli operatori della Sail Italia che attraverso i rappresentanti del Conip, il Consorzio che riunisce i diversi operatori nautici del porto Turistico di Marina Chiaiolella, tutti associati Ascom Procida.

Le conclusioni del convegno saranno affidate al ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi.

Leggi la lettera di invito ed il programma.

Anche Procida entra nei Grandi eventi

Fonte: Il Denaro

Grazie all’impegno di tutte le Istituzioni regionali, Regione Campania, Provincia di Napoli, Comune di Procida, alle Associazioni di categoria , tra cui in prima fila l’Ascom Procida ed ad altre istituzioni ed enti (Aacst e altre) per il prossimo anno anche la nostra isola sarà inserita nel cartellone dei Grandi Eventi in gran parte finanziato dalle stesse istituzioni locali.

Ben due sono gli appuntamenti, il primo è l'”Ischia Global film festival“, con una tappa anche a Procida, il secondo interamente sulla nostra isola è “Per vivere il mare” dedicato alla cultura e l’imprenditoria marinare del passato e attuale.

Di seguito l’articolo de Il denaro che presenta l’intero programma dei Grandi Eventi in Campania.

Trentuno grandi eventi per attirare nuovi turisti in Campania e favorire la destagionalizzazione delle vacanze. L’assessorato al Turismo, guidato da Marco di Lello, rende nota la graduatoria provvisoria degli appuntamenti finanziati per la nuova stagione, denominata “Eventi in Campania 2008″.
Ancora molte, però, sono le cose da definire. Ad esempio gli stanziamenti. I diversi enti che sono risultati positivi alla prima valutazione chiedono aiuti per complessivi 12,9 milioni di euro, cioè il doppio di quanto stanziato dalla Regione (che ricordiamo ammonta a 6,5 milioni di euro). A questo punto i tecnici dell’assessorato hanno due strade da seguire: procedere ad una diminuzione dei fondi assegnati, così come si legge nella delibera n. 481, oppure battere cassa e chiedere alla Giunta regionale un ulteriore sforzo.
La soluzione più probabile, però, sembra essere quella legata ad una diminuzione della contribuzione. Nella delibera, infatti, si legge che gli enti locali ora hanno trenta giorni di tempo per presentare tutta la documentazione che consentirà di valutare i progetti. Se la valutazione non supererà il punteggio di 91 su 100, allora si procedere alla diminuzione degli aiuti. L’evento che, per ora si aggiudica il contributo più cospicuo è “Quattro notti e più di luna piena”, l’appuntamento che attira a Benevento tanti turisti. Per questa manifestazione le agevolazioni sono pari a circa 630 mila euro. Fondi anche per il “Capri film festival” per 300 mila euro e per le “Grandi opere liriche alle terme di Baia”, con un aiuto totale pari a 500 mila euro. Gli appuntamenti genereranno investimenti per 28,3 milioni.
Sono 31 gli appuntamenti agevolati dalla Regione

Leggi l’articolo originale

Defiscalizzare le vacanze: proposta del presidente di Confturismo Bocca

Fonte: Confcommercio

In una sua nota il presidente di Confturismo Bocca suggerisce un’interessante idea sui possibili interventi fiscali a favore delle famiglie italiane che non hanno potuto soddisfare , o solo in parte, la loro voglia di vacanze estive.

Questo è il primo contributo sull’andamento della stagione estiva appena trascorsa.

Il calo della domanda turistica italiana questa estate è stato forte, perché i consumi tardano a riprendere in quanto la gente non ha soldi: questa tendenza Federalberghi l’aveva già delineata ai primi di luglio e non sono contento che i nostri dati siano stati confermati, speravamo invece di essere sconfessati“. Così il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, sull’andamento del turismo in Italia nell’estate che sta per concludersi.

Bocca torna quindi a proporre la defiscalizzazione delle vacanze, ovvero la detrazione delle spese sostenute durante le ferie, un’idea che aveva già lanciato mesi fa. “Un provvedimento del genere – spiega – avrebbe simultaneamente un duplice effetto: disincentivare l’evasione fiscale e aumentare i consumi. Questa estate le città non sono mai state così vive e questo perché gli italiani partiti per le ferie sono sempre di meno“.

Se il calo pesante delle presenze turistiche italiane ha colpito le località di mare, bene è andato invece, spiega il presidente di Federalberghi, il turismo nelle città d’arte dove è in forte crescita, in particolare, la presenza di americani e russi.

Vacanze a Procida

Alloggiare a ProcidaA seguito delle numerose email di richiesta informazioni circa le possibilità di alloggio sulla nostra isola per le vostre vacanze, abbiamo deciso di dedicare una pagina del nostro blog alla presentazione dei nostri associati che si propongono di accogliervi nel migliore dei modi.

Vacanze a Procida

Inviato su Senza categoria | Contrassegnato da tag ,

Il turismo nei prossimi 20 anni diventerà il primo settore di attività economica

Secondo ConfTurismo, entro i prossimi 20 anni il settore economico primario a livello mondiale sarà il turismo che arriverà ad occupare un lavoratore su cinque. Questo significa che in Italia ci saranno 2.000.000 di lavoratori impiegati in modo diretto od indiretto in questo settore.

Leggi il Rapporto.

Incentivi al turismo ecocompatibile.

Fonte: Aziendalex, articolo originale

Come saranno impiegati i 48 milioni di euro della finanziaria per il turismo

Incentivi al turismo ecocompatibile

(Dpcm. 16.02.2007 – GU n. 114 del 18.5.2007 )

Sono state decise dal vicepresidente del Consiglio dei Ministri, delegato alle funzioni di competenza statale in materia di turismo, le ripartizioni e la destinazione dei 48 milioni di Euro stanziati dalla finanziaria per la promozione del turismo eco-compatibile e la realizzazione di iniziative di eccellenza per lo sviluppo e la promozione del sistema turistico nazionale, cercando soprattutto di destagionalizzare e diffondere i flussi turistici su tutto il territorio nazionale. 33 milioni e 600 mila Euro (cioè il 70% della cifra prevista) saranno appannaggio di tutte quelle piccole e medie imprese che intendano adeguare le proprie strutture ed i servizi a standard di qualità, comprese quelle che metteranno in atto processi di crescita dimensionale, ma nel rispetto del patrimonio paesaggistico. Tali fondi potranno essere anche destinati a finanziare l’acquisto delle strutture da parte di coloro che le gestiscono. Le imprese turistiche che intendano adeguare i loro impianti ed i loro servizi, anche per aderire a circuiti di prenotazione di rilievo internazionale già esistenti, e quelle che intendano costituire forme associate di promozione e/o commercializzazione di servizi, caratterizzati dalla attribuzione di un marchio anche specialistico per segmenti di clientela, destinato alla diffusione sopranazionale, potranno godere di finanziamenti agevolati erogabili grazie allo stanziamento, magari integrati da altre disponibilità finanziarie nazionali e comunitarie. Il rimanente 30%, pari a 14 milioni e 400 mila Euro, sarà destinato al sostegno del turismo eco-compatibile. Avranno priorità le iniziative presentate dalle regioni o d’intesa con le regioni da enti locali ed altri soggetti pubblici e privati mirate ad incrementare il turismo montano, quello in bicicletta e quello legato all’attività sportiva e ricreativa del golf. Queste decisioni sono contenute nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri datato 16 febbraio 2007 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 maggio scorso. (23 maggio 2007)

Continua a leggere